PADOVA E LA MOSTRA DI VINCENT VAN GOGH "I COLORI DELLA VITA"

Un meraviglioso viaggio dedicato alla scoperta di questa bellissima città in occasione della mostra dedicata a Vincent Van Gogh «I colori della vita» dove sono esposte 78 opere tra dipinti e disegni.

Un meraviglioso viaggio dedicato alla scoperta di questa bellissima città in occasione della mostra dedicata a Vincent Van Gogh «I colori della vita» dove sono esposte 78 opere tra dipinti e disegni. Per questa occasione la città si è ammantata di nuovo fascino e ha posto in essere iniziative di eccelsa valenza culturale, accomunate dal leitmotiv del colore

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 360

 

INGRESSI E VISITE GUIDATE INCLUSI !!

 

PARTENZA DA BORGOSESIA E BORGOMANERO

 

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO:

1° GIORNO: Carico a Borgosesia/ Borgomanero. Partenza con bus gran turismo per Padova. Pranzo libero durante il viaggio. Arrivo a Padova, Urbs picta 2020, candidata a inserire nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO otto siti del suo centro storico che conservano straordinari cicli pittorici trecenteschi ad affresco. Tale realtà rappresenta un eccezionale valore universale, esempio unico al mondo di un’area in cui la tradizione della pittura murale vanta radici profonde e ha vissuto il suo massimo sviluppo nel ‘300, a partire dalla presenza in città di Giotto, intorno al 1302, per consolidarsi durante l’intero secolo e tracciare una via che la storia della pittura occidentale si troverà a seguire secondo un percorso già delineato nelle sue fondamentali linee guida. Per l’occasione Padova si è ammantata di nuovo fascino e ha posto in essere iniziative di eccelsa valenza culturale, accomunate dal leitmotiv del colore: da mostre evento, imperdibili e uniche, a inediti percorsi di visita e alla grande Street Art, che rende più bello il centro storico e rivitalizza le periferie. Assegnazione delle camere riservate presso l’Hotel Donatello, ubicato nel cuore del centro storico e tempo libero per il pranzo. Inizio delle visite dall’antico Hospitium Bovis, sede dal 1539 dell’Ateneo di Padova, di recente aperto alle visite coll’avvincente percorso Palazzo Bo e il ‘900 di Gio Ponti. Fra gli spettacolari ambienti storici, emergono il Cortile loggiato, lo scalone monumentale, il cinquecentesco, ardito Teatro Anatomico, primo ambiente del genere al mondo, e la Sala dei Quaranta, dov’è la Cattedra di Galileo. L’Aula Magna, la Basilica e l’ala nuova si devono al geniale architetto e poliedrico designer milanese Gio Ponti, artista rinascimentale in tempi moderni, che nel 1942 consegna spazi fortemente rinnovati, autentica catarsi del Razionalismo italiano, grazie al concorso di alcuni tra i maggiori artisti del ‘900: da Arturo Martini a Filippo De Pisis, Achille Funi, Massimo Campigli, Gino Severini, Gio Pomodoro e Jannis Kounellis. Il vicino Palazzo Zabarella ospita la mostra I Macchiaioli. Capolavori dell’Italia che risorge: rassegna preziosa e rara di oltre cento capolavori che hanno rivoluzionato il tradizionale concetto di estetica ottocentesca, siglati in un cenacolo di spiriti indipendenti, dall’essenza incentrata sui valori dell’uomo, eroico e resiliente. Provenienti da collezioni pubbliche e private e in parte mai esposte in Italia, le opere in mostra sono gemme di una pittura in cui la ‘macchia’ di colore e chiaroscuro è divenuta una teoria e la realtà si acconcia alla poesia di un’espressione radicata nel Quattrocento toscano, al contempo sensibile al sentimento della natura di Barbizon. Passeggiata fra Piazza delle Erbe e Piazza dei Signori, accese da colorate creazioni di Street Art, sino allo storico e caratteristico Caffè Pedrocchi, crocevia di intellettuali e letterati, luogo dove nascevano le idee, citato da Stendhal ne “La Certosa di Parma”. Cena di benvenuto in ristorante locale e pernottamento in hotel.

2° GIORNO: Prima colazione in hotel e check-out. Passeggiata sino alla Chiesa degli Eremitani, antichissima sede agostiniana dal suggestivo interno, famosa per gli affreschi della Cappella Ovetari, primo esempio di arte rinascimentale nel Nord Italia e capolavoro di Andrea Mantegna, giovane discepolo presso la bottega padovana dello Squarcione. Nelle adiacenze è il Centro San Gaetano, sede della mostra Vincent Van Gogh. I colori della vita, dove l’opera dell’artista olandese viene riletta al di là degli stereotipi, scandendone le tappe cruciali: dagli anni nelle miniere del Borinage a quelli nel Brabante, al periodo parigino e al soggiorno in Provenza. Oltre 90 capolavori, fra cui fondamentali nature morte e icone assolute, come Autoritratto con cappello di feltro grigio, Il postino Roulin, L’Arlesiana, accanto a opere selezionate di Gauguin, Millet, Seurat, Signac e dei giapponesi, specie Hiroshige, nodale motivo d’ispirazione. Una rassegna-racconto che s’intreccia con l’epistolario del pittore e col tema dell’artista-eroe chiamato a una missione, seguendone il rapporto intimo, intenso e, a tratti, ossessivo con il colore, soggettivato espressivamente e sintonico con la musica di Wagner, nell’incontenibile ansia di raggiungere quella che chiama “armonizzazione”. Visita alla vicina Cappella degli Scrovegni, uno degli vertici supremi dell’arte mondiale, ideata e affrescata da Giotto, primo pittore ‘moderno’, di recente restituita appieno alla fruizione. Sotto un cielo stellato, Giotto segna un punto di non ritorno, tracciando il percorso evolutivo dell’intera storia della pittura occidentale e superando ogni astrazione attraverso un fare pittorico denso d’invenzioni compositive e tonali, di gesti, emozioni e sguardi naturalmente umani, di piena padronanza delle leggi ottiche e spaziali, culminante nel primo trompe l’oeil dell’arte moderna. Tempo a disposizione per pranzo libero. Trasferimento in bus privato a Prato della Valle, scenografica piazza che vanta un’estensione seconda solo alla Piazza Rossa di Mosca e accoglie al suo interno la verdeggiante Isola Memmia. Tempo libero per passeggiata sino alla vicina Basilica del Santo, scrigno di sommi capolavori d’arte dalla facciata romanica, il deambulatorio gotico, le cupole bizantine e i campanili moreschi. Sulla piazza antistante troneggia il Monumento equestre al Gattamelata, capolavoro della maturità di Donatello, che ha segnato un’autentica rivoluzione nella storia dell’arte, quale figura che passa nello spazio e nel tempo, tradendo la meditazione e la malinconia di chi guarda all’avvenire dalla prospettiva del passato. Proseguimento per Torino, con eventuali soste durante il percorso. Arrivo previsto in serata.

 

LA QUOTA INCLUDE: trasferimento con bus gran turismo a Padova, 1 pernottamento presso l’hotel indicato con trattamento di pernottamento e prima colazione - Tasse di soggiorno previste nella città di Padova - 1 cena di benvenuto (2 portate, dessert, bevande incluse) presso ristorante tipico locale a Padova - Trasferimenti in bus privato secondo itinerario - Tour leader esperto per tutta la durata del viaggio alloggiato nel medesimo hotel del gruppo - Accompagnatore culturale per tutta la durata del viaggio - Ingressi come da programma (Palazzo Bo e il '900 di Gio Ponti, mostra I Macchiaioli. Capolavori dell’Italia che risorge, Chiesa degli Eremitani, mostra Vincent Van Gogh. I colori della vita, Cappella degli Scrovegni) - Sistema di audioguide per tutte le visite previste - Assicurazione medico-bagaglio – non rimborsabile in caso di annullamento del viaggio, poiché attiva dal giorno di conferma della pratica - Linea telefonica di emergenza 24/7

 

LA QUOTA NON INCLUDE:  Pasti e bevande non espressamente citati –- Spese a carattere personale, mance ed extra in genere - Eventuale assicurazione per rinuncia pari a € 15,00 per persona (per spesa pro-capite fino a € 750,00*) – non rimborsabile in caso di annullamento del viaggio, poiché attiva dal giorno di conferma della pratica - Eventuali aumenti dell’IVA oltre l’attuale 22% - Tutto quanto non indicato alla voce «la quota comprende»